Villa d’Este: Come arrivare da Villa d’Este a Villa Gregoriana

Acropoli Tivoli

Villa d’Este: Come arrivare da Villa d’Este a Villa Gregoriana

Vediamo oggi come arrivare da Villa d’Este a Villa Gregoriana facendo una piccola passeggiata visto che la distanza tra le due ville è minima. Vi è da notare che se si ha intenzione di visitare le due villa è importante calibrare le vostre energie nel caso voleste nella stessa giornata visitare anche Villa Adriana.

Mediamente le 3 ville in una giornata non si visitano quasi mai che potrebbe risultare faticoso, pertanto consigliamo sempre di spezzare la visita in due giorni scegliendo poi cosa organizzarsi; vi è da notare che sia Villa d’Este e Villa Gregoriana si trovano entrambi a Tivoli centro.

Entrambi sono molto vicine ai due parcheggi di Tivoli il principale che si trova vicino a Piazza Garibaldi e l’altro che si trova a Piazza Massimo. I due parcheggi sono comodo  ma se dovete fare una lunga sosta di una giornata o più giorni  consiglio quello il parcheggio di Piazza Massimo, in quanto è molto più economico a fine giornata.

Una volta arrivati a Villa d’Este subito dopo il parcheggi vi è il grande Castello dal nome Rocca Pia, che non è sempre visitabile. Al suo interno non vi è molto eccetto tanti piccole stanzette, possiamo confessare che la rocca è più bella dall’esterno che al suo interno. Accanto alla Rocca vi è anche l’anfiteatro di Bleso, antico teatro Romano che si può vedere anche dall parcheggio passando per arrivare a Villa d’Este. 

Prima di entrare a Villa d’Este avrete sulla sinistra un grande arco di arte moderna di Arnaldo Pomodoro, importante artista del Novecento ancora in vita che crea queste straordinarie opere.

Da Villa d’Este a Villa Gregoriana

Una volta arrivati visitata Villa d’Este potete proseguire la passeggiata per arrivare a Villa Gregoriana, passando attraverso il corso principale di Tivoli dove potete trovare tutti i ristoranti della città e approfittare per un bel pranzetto. Seguendo sempre il corso principale si arriva a Piazza del Plebiscito dove potete ammirare la chiesa di San Biagio, opera neogotica del primo Novecento costruita sopra l’antico tempio di Giunone Regina e di Diana  e sopra l’antico convento domenicano risalente dal 1280. Il quale a causa di bombardamenti della seconda guerra mondiale andò tutto distrutto.

Lasciando la chiesa di San Biagio e proseguendo verso la via Palatina dove ci conduce verso Piazza Palatina, ove era l’antico fulcro o centro storico della Tivoli Romana. 

Nella Tivoli Romana proprio a piazza Palatina vi era l‘antico foro Romano non più visibile ma riconoscibile dalle antiche colonne di marmo bianco che si trovano proprio nella piazza alle basi di un grande palazzo nobiliare. Sempre a Piazza Palatina vi è anche la parte della Tivoli Medievale. Dove vi era l’antico ghetto ebraico con la piazza delle Erbe e la casa del vescovo che si trova proprio nella centro della Piazza.

Proseguendo sulla stessa strada avremo una ricca scelta di ristoranti Tiburtini, che hanno una grande varietà di prodotti. E alla fine della strada vi è una spettacolare vista sul fiume Aniene, il quale è lungo circa 100 km e sfocia nel Teverone sulla via Salaria, per poi finire in mare chiaramente assieme al Tevere.

Come arrivare a Villa Gregoriana

Un volta arrivati a Ponte Gregoriano e dopo aver ammirato la vista dall’antico ponte, troverete dietro di voi una piccola stradina che porta a Via della Sibilla, proseguite passando sotto l’antico arco da dove potete vedere dei bellissimi scorci di paesaggio Tiburtino e Romano e immediata mende dopo il noto ristorante la Sibilla, uno dei migliori ristoranti della città di Tivoli vi è una piccola piazzetta dove li troverete uno degli ingressi di Villa Greogoriana 

 

Informazioni su Guida Turistica Tivoli 166 Articoli
Siamo un gruppo di guide turistiche abilitate, specializzate e laureate in Storia dell'Arte ed Archeologia. Grazie alla nostra esperienza di oltre 25 anni offriamo visite guidate professionali a Tivoli. I nostri servizi sono in lingua italiana, inglese, francese, portoghese, spagnola.