Tivoli Santuario Ercole Vincitore visite Guidate a Tivoli

santuario ercole tivoli
Santuario di Ercole Vincitore

Tivoli Santuario di Ercole Vincitore:  Visite guidate alla scoperta di un monumento eccezionale;  uno dei santuari   più importanti del Lazio Antico edificato in epoca repubblicana a partire dal II sec.a.C  e presenta le stesse caratteristiche di altri due famosi santuari,  quello della “ Fortuna Primigenia a Palestrina “ e l’altro di “ Giove Anxur a Terracina “, nel basso Lazio.

Tivoli Santuario di Ercole Vincitore genesi del complesso

Il  Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli ubicato a circa 300 metri  dalle antiche mura della città di veniva a trovarsi  lungo l’antica Via Tiburtina e presenta tutte le caratteristiche dei Santuari extraurbani  edificati al di fuori dell’Urbe ossia della città di Roma. Il Santuario ebbe verosimilmente origine da un  culto locale associato  alle transumanze che dall’entroterra del Sannio  si dirigevano verso la pianura laziale  passando per il territorio di Tivoli.

Le caratteristiche del culto di Ercole sono infatti duplici, da una parte rappresenta il culto di una divinità guerriera  legato a Marte ma nello stesso tempo era anche una divinità tutelare legata ai commerci e ai mercati  poiché Ercole era venerato come il protettore delle greggi transumanti.

Grazie alla  sua posizione  geografica strategica  che favorì i commerci divenne presto già a partire dal secondo secolo avanti Cristo un luogo dove affluirono enorme ricchezze che permisero la costruzione del grandioso Santuario che era anche sede di un Oracolo come quello che troviamo a Praeneste  o Palestrina basato sulla estrazione delle  “ Sortes” ossia tavolette in legno incise  da cui i Sacerdoti addetti dovevano trarne gli auspici.

Cronologia del Santuario e sua destinazione d’uso

Il complesso  monumentale del Santuario  d’Ercole  grazie ai documenti epigrafici , ai  manufatti  rinvenuti  sul posto e alle tecniche di costruzione che vi si riscontrano si data in un arco di tempo che va almeno dalla metà del II sec.a.C  . al periodo augusteo. Le ricchezze del Santuario erano infatti notevoli e l’Imperatore Augusto nel 41 a.C. cercò anche di appropriarsene.

Sappiamo inoltre che da una iscrizione che l’Imperatore  Augusto era molto legato  a Tivoli  dove verosimilmente aveva una Villa, qui infatti trascorreva le sue vacanze come ci dice anche  lo storico Svetonio. D’altro canto Tivoli fu scelta dall’aristocrazia romana come luogo destinato alle vacanze, erano infatti centinaia le dimore appartenenti a personaggi illustri tra questi l’Imperatore Adriano che poco più a vallle si fece costruire nella seconda metà del II sec.d.C la splendida Villa Adriana e la Villa del poeta Orazio situata nei pressi dell’acropoli della città.

Nel Santuario inoltre veniva amministrata anche la giustizia  e nella città di Tivoli il Culto dell’Imperatore Augusto veniva sempre associato a quello di Ercole. Addirittura furono nominati  dei sacerdoti in numero di 60 chiamati gli Augustales che risiedevano nel Tempio dediti al culto sia  di Ercole che dell’Imperatore Augusto.

Il Tempio di Ercole aveva inoltre una grande Biblioteca. Lo storico Aulo Gellio ci ricorda che era fornitissima di testi tra cui anche  quelli di Aristotele. La parte sommitale del  Santuario era invece occupato da un grande Teatro Greco come quello che riscontriamo nel Santuario della Fortuna a Palestrina.

Dopo il periodo augusteo il Santuario fu lentamente abbandonato  esso  infatti  seguì il corso della storia. A partire dal XV secolo sulle strutture del Tempio si impiantò un convento a cui fece seguito una ferriera. Successe dunque a partire dalla metà del 1800 una fonderia di cannoni e poi una cartiera sfruttando le acque del fiume Aniene che qui poco lontano  scorrevano.

Percorso di visita

La visita guidata al Tempio d’Ercole ha inizio dalla parte superiore del complesso. Esso è formato da un ampio piazzale un tempo porticato  sui tre lati  disposto su due piani. A seguire troviamo i resti del teatro che è stato recentemente restaurato e oggi riutilizzato per spettacoli e concerti,  insieme ai resti del tempio vero e proprio dove si conservava il sacello dedicato a Ercole.

Ai lati del podio  sono ancora visibili piccoli ninfei o fontane a forma di grotta  che abbellivano la struttura. Inoltre qui sono visibili anche i resti del Canale costruito nel XIX SEC. di raccolta delle acque  provenienti dagli acquedotti e dalla vicina Villa D’Este che poi servirono ad alimentare la Centrale dell’Acquoria poco più in basso del Santuario che nel 1886 produsse energia elettrica. Tivoli fu  in questo modo la prima città italiana ad avere energia elettrica che poi  fornì anche a Roma.

Scendendo nella parte inferiore del Santuario si può transitare lungo un tratto dell’Antica Via Tiburtina che veniva in parte inglobata dal Santuario,la cd.Via Tecta  perché interrata, lungo i cui lati si disponevano tabernae o negozi. Enormi lucernari ancora oggi visibili si aprivano nella volta al fine d’illuminare ma anche areare tutta l’area.

Sicuramente questa era la zona del santuario destinata al commercio.

Il lato nord occidentale è una delle parti più suggestive del complesso. Esso   si affaccia sulla valle del Fiume Aniene, presenta enormi strutture di alzato che raggiungono i 50 mt circa  e che ricordano un’altra struttura repubblicana, il cd. Tabularium  che troviamo a Roma nella zona pertinente al Campidoglio. Tutto il complesso è stato costruito con una tecnica edilizia tipica del periodo repubblicano,ossia l’opus incertum. All ‘interno del monumento  è stato ricavato anche un antiquarium dove di recente si sono organizzate  anche delle mostre.

Come raggiungere il Tempio d’Ercole

Tivoli Via degli Stabilimenti, 5 00019 Tivoli

Biglietto intero ordinario € 5,00 fatte salve le gratuità di legge .

Informazioni su Guida Turistica Tivoli 169 Articoli
Siamo un gruppo di guide turistiche abilitate, specializzate e laureate in Storia dell'Arte ed Archeologia. Grazie alla nostra esperienza di oltre 25 anni offriamo visite guidate professionali a Tivoli. I nostri servizi sono in lingua italiana, inglese, francese, portoghese, spagnola.